Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.negrimatteo.com/home/wp-content/plugins/accelerated-mobile-pages/includes/features/functions.php on line 756

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.negrimatteo.com/home/wp-content/plugins/accelerated-mobile-pages/includes/features/functions.php on line 756
Guida all'installazione di Google Tag Manager | Matteo Negri
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.negrimatteo.com/home/wp-content/plugins/accelerated-mobile-pages/includes/features/functions.php on line 756

Matteo

Negri

Web Analytics & Seo Specialist


Guida all’installazione di Google Tag Manager

Aprile 22, 2016Matteo Negri0 Comments

Google Tag Manager è un sistema ideato da Google per gestire tag e snippet di codice sul tuo sito web o nelle tue applicazioni mobile in modo semplice. L’idea che sta alla base di questo sistema di gestione tag è di ridurre al minimo le modifiche del codice sorgente del sito web e quindi, una volta inserito questo snippet di Google all’interno del sito, tutti i tag verranno gestiti direttamente dall’interfaccia utente di Tag Manager.

Quali tag possono essere inseriti?

Praticamente qualsiasi tag può essere gestito attraverso Tag Manager. Possono essere aggiunti tag Google Analytics, AdWords, Floodlight e di terze parti oppure tag personalizzati direttamente attraverso l’interfaccia utente predisposta.

Come funziona?

Il Tag Manager funziona come un contenitore all’interno del quale vengono richiamati tutti i tag che desideriamo inserire sul sito. Ci sono due tipologie di Tag Manager in base all’implementazione da effettuare. Il Tag Manager per il Web va inserito in tutte le pagine del sito mentre quello per dispositivi mobili viene distribuito attraverso un SDK per Android o iOS. Il contenitore andrà a sostituire tutti i tag sul sito o nella mobile app e, una volta aggiunto, gli altri tag andranno aggiornati e gestiti attraverso l’interfaccia grafica di Tag manager.

Per avere ulteriori informazioni sulle nozioni basilari del Tag Manager  puoi vedere questo video:

Come installare Google Tag Manager?

Il primo passo è creare un account Google Tag Manager. Se possiedi già un account Google che usi per servizi tipo Gmail, Google Drive, You Tube, ecc. puoi utilizzarlo anche per Google Tag Manager. Oppure creane uno totalmente nuovo. Normalmente è sufficiente un solo account per azienda dal quale è possibile gestire i tag di tutti i siti web.

Anche in questo caso, per semplicità, proseguirò ipotizzando la configurazione di un sito web.

Una volta autenticati sul sito di Google Tag Manager è possibile creare un nuovo Account Tag Manager

Nuovo account GTM01

Inseriamo il nome del nostro Account (potrebbe essere il nome dell’azienda), decidiamo se condividere o meno i dati con Google e i suoi partner in modalità anonima e clicchiamo su “Continua”.

Nuovo account GTM02

Inseriamo il nome del Contenitore che verrà creato e indichiamo dove verrà utilizzato cliccando su “Web”.

Una volta cliccato il tasto crea apparirà il nostro codice Google Tag Manager che deve essere copiato in tutte le pagine del sito subito dopo l’apertura dal tag <body>.

GTM code

Una volta inserito il codice in tutte le pagine del sito è necessario tornare nell’interfaccia del Tag Manager per procedere alla sua configurazione inserendo, ad esempio, il tag di Google Analytics.

Nel  caso tu voglia sostituire gli attuali tag presenti sul sito con Google Tag Manager assicurati di aver configurato tutti i tag nell’interfaccia del Tag Manager prima di inserire il nuovo snippet di codice sul sito.

Infatti, nel momento in cui andrai ad inserire questo codice nel tuo sito web ricordati che dovrai rimuovere contemporaneamente dalle pagine qualsiasi altro tag presente nel contenitore di Google Tag Manager.

Per chiarire altri eventuali dubbi ti invito a guardare questo video:

The following two tabs change content below.

Mi occupo di Web Analytics & SEO e ho una grande passione per il mondo della comunicazione digitale. Nel tempo libero amo viaggiare e condividere le mie esperienze.


Leave a Reply